“È arrivata la felicità” con delle novità

È tornata su RAI1 con la seconda stagione la fiction “È arrivata la felicità”

Dopo il grande successo del 2015, i due protagonisti di “È arrivata la felicità”, Orlando (Claudio Santamaria) e Angelica (Claudia Pandolfi), tornano in prima serata a raccontarci la loro storia disegnando un quadro familiare dei nostri giorni in una commedia brillante. La serie televisiva di 12 puntate, scritta da Ivan Cotroneo, Monica Rametta, Stefano Vises e diretta da Francesco Vicario, riprende gli aspetti e le tematiche della vita quotidiana. Le problematiche del lavoro, i rapporti sociali, le diversità caratteriali, l’educazione dei i figli, il rapporto di coppia, sono quelle che i protagonisti ci mostrano.

Con questa fiction popolare si è voluto portare sulla rete ammiraglia della Rai -storicamente molto attenta ai temi della famiglia tradizionale- alcuni temi della modernità come l’omosessualità e la famiglia allargata.

Nella seconda serie di “È arrivata la felicità” si parla anche di quando una terribile malattia sconvolge ed entra prepotente nei rapporti umani e nelle situazioni della vita. Tutti questi argomenti vengono affrontati in modo molto netto e semplice, senza sotterfugi  ma cercando di ironizzare allo stesso tempo sui pregiudizi e preconcetti ancora presenti nella nostra società.

Il tema della famiglia allargata era presente anche nella prima serie, infatti Angelica che ha due figlie gemelle decide di andare a convivere con l’uomo che ama, Orlando, che a sua volta ha due figli maschi. L’amore tra due fratellastri Laura e Umberto, la figura di Pigi, che a 10 anni risulta essere il più saggio dell’allegra famiglia Mieli, e Nunzia la divertente segretaria napoletana, rende la storia più vicina ad una commedia brillante e divertente.

Originale anche l’idea di rappresentare i momenti in cui i personaggi riflettono sulla storia rivolgendosi al pubblico televisivo, ponendo domande ad alta voce e ragionando sui dilemmi che si trovano di fronte, mentre sullo sfondo girano dei grossi ingranaggi proprio per rendere l’idea della macchinosità del pensiero e della riflessione.

Con 3.285.000 spettatori pari al 13.7% di share la seconda puntata di “È arrivata la felicità” (21 febbraio 2018) è arrivata seconda negli ascolti, superata solo dalla partita di Champions League (4.858.000 spettatori pari al 18.2% di share). L’esordio di quest’anno tuttavia non è stato particolarmente brillante se confrontato con i dati della prima serie quando era record di ascolti. La concorrenza della Champions o la contro programmazione su altre reti hanno probabilmente eroso un po’ di pubblico, ma forse c’è di più. A quanto si legge dai commenti sulla pagina ufficiale di facebook, non è stata molto gradita dagli affezionati telespettatori la piega un po’ triste che ha preso “È arrivata la felicità” con la brutta malattia che colpisce Angelica. Il pubblico che amava proprio la freschezza, l’allegria e la spensieratezza della fiction, si aspettava lo stesso tenore anche nelle nuove puntate e non ha apprezzato evidentemente l’introduzione di un tema pesante ed angoscioso. Vedremo da domani e nelle prossime puntate cosa ci riserverà la famiglia Mieli.

Condividi:
Follow by Email
Facebook
Twitter
Google+
https://WWW.GOTREND.IT/spettacolo/e-arrivata-la-felicita/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti è piaciuto il post? Condividilo sui tuoi social!